La lista della spesa etica nella "Piccola guida al consumo critico".

Ogni giorno siamo il bersaglio di innumerevoli messaggi pubblicitari che hano lo scopo di indirizzare i nostri consumi, condizionando così le nostre scelte, al supermercato come a casa.

phpx2hwhs4221 Ma quando facciamo la spesa dobbiamo fare scelte consapevoli: ogni volta che compriamo qualcosa, sosteniamo un’azienda e con essa i suoi comportamenti in ambito ambientale e dei diritti dei lavoratori.

Ecco quindi la ” Piccola guida al consumo critico “, per scegliere consapevolmente che cosa è meglio comprare e che cosa invece è da sconsigliare. Il volume, (di 64 pagine in formato tascabile) è pensato per essere portato sempre con sé, in particolar modo quando si va a fare la spesa al supermercato o nei negozi.

Per ogni scheda delle maggiori aziende (17 in tutto, tra le quali Unilever, Chiquita, Coca Cola, Danone, Procter&Gamble, per citarne alcune) sono indicati i relativi marchi, che spesso non sappiamo associare alla stessa società.

Dopo di queste, l’elenco di centinaia di prodotti, catalogati in oltre 80 settori merceologici, e per ognuno, una valutazione che tiene conto dei comportamenti dell’azienda che lo produce. Il risultato è una griglia di marchi “Da preferire”, o per i quali ci sono “Poche informazioni” e infine dei prodotti “Non consigliati”.

La guida è stata curata dall’Associazione Gaia di San Giorgio a Cremano, che da 15 anni si occupa di commercio equo e solidale.

” Piccola guida al consumo critico. Fare la spesa rispettando l’ambiente e i diritti “
64 pagine, 3 euro – Altreconomia

Da giugno 2009 in libreria, il testo può essere acquistato da maggio nelle botteghe del commercio equo e solidale e sul sito di Altreconomia

Twitter Digg Delicious Stumbleupon Technorati Facebook

No comments yet... Be the first to leave a reply!